CULTURA / FESTIVAL /

Una settimana di CiakPolska

Dal 1° al 7 dicembre nella capitale il meglio del cinema polacco di oggi e di ieri; tra gli eventi la proiezione di "Cold War" e un incontro con Krzysztof Zanussi

Torna il CiakPolska Film Festival, che dal 1° al 7 dicembre porta nella capitale il meglio del cineadysław Reymont e candidato all’Oscar.

Ore 21.00
Il caso (Przypadek)
112’, PL 1981, di Krzysztof Kieślowski
A partire da un evento del tutto casuale, la vita del giovane Witek è raccontata in tre varianti diverse: attivista di partito, oppositore del regime, medico indifferente alla politica. Film chiave dell’opera di Kieślowski e della sua inesausta riflessione sul destino e sul conflitto tra dimensione pubblica e privata.


VENERDÌ 7 DICEMBRE

Ore 17.00
Il sale della terra nera (Sól ziemi czarnej)
98’, PL 1969 di Kazimierz Kutz
Poetica ballata incentrata sui drammatici avvenimenti legati alla II Rivolta Slesiana dell’agosto 1920, il film narra le vicende familiari di un vecchio minatore e dei suoi figli, che combattono affinché la loro terra sia riconosciuta come polacca. Il film non ricostruisce lo svolgimento della rivolta, ma ne riproduce l’atmosfera e traccia un ritratto collettivo del popolo slesiano.

Ore 19.00
Attori di provincia (Aktorzy prowincjonalni)
108’, PL 1978 di Agnieszka Holland
Una delle opere più conosciute del cosiddetto “cinema dell’inquietudine morale”, che raccontava la stanchezza della Polonia comunista e il bisogno disperato di cambiamento, annunciando l’esplosione di Solidarność nel 1980. Per Agnieszka Holland, già assistente di Zanussi e Wajda, fu un film difficile da realizzare per motivi politici, ma segnò una svolta nella sua carriera, venendo anche premiato a Cannes.

Ore 21.00
Incontro con Krzysztof Zanussi - modera Gianluca Arnone
a seguire
La struttura del cristallo (Struktura kryształu)
74’, PL 1969 di Krzysztof Zanussi
Il giovane fisico Jan fa il meteorologo, mentre il suo collega Marek sta facendo una brillante carriera universitaria. Marek va a trovare Jan per spingerlo a tornare nella capitale e ricominciare il lavoro di ricerca scientifica, ma lo scontro fra i due diventa quello fra due visioni diverse sul senso della vita. Zanussi illustra il conflitto tra pragmatismo razionale e un modello di vita umanistico in un film che è una riflessione morale sulle scelte di vita....

 Leggi
Per poter leggere questo contenuto devi essere abbonato
Se sei abbonato inserisci username e password per entrare


Se vuoi abbonarti ora clicca qui
Se vuoi conoscerci meglio clicca qui
Con l'abbonamento avrai accesso a tutte le informazioni della nostra redazione. Indirizzi email, telefoni, siti internet, film in preparazione ed in sviluppo, calendari di appuntamenti professionali, notizie ed articoli utili a te che lavori nel Cinema e che fai dell'informazione il motore della tua professione. Un piccolo prezzo per sostenere un grande lavoro per voi.